Standards utilizzati nel trattamento dei dati

Molti degli elementi descrittivi utilizzati nella realizzazione del VRD in tema di donne con disabilità sono desunti dal Dublin Core Metadata Element Set, un sistema di metadati composto da un nucleo di elementi essenziali utili alla descrizione di qualsiasi risorsa digitale fruibile via rete informatica.

I nomi delle persone e/o degli enti responsabili (a vario titolo) delle risorse sono trattati in conformità alle Regole italiane di catalogazione per autore (RICA), mentre per la forma dei nomi si fa riferimento all’“archivio d'autorità" (authority file) della Biblioteca nazionale centrale di Firenze (BNCF). 

Forniamo di seguito qualche breve indicazione per facilitare la ricerca.


I nomi degli enti sono solitamente indicati con la denominazione estesa (non con la sigla).

Ad esempio:   Unione italiana lotta alla distrofia muscolare
    non UILDM

Si preferisce la sigla se l’ente è meglio conosciuto con quest’ultima. In questo caso, per convenzione, la sigla è indicata senza segni di interpunzione.

Ad esempio:   Istat
    non Istituto nazionale di statistica 
    FIAT
    non Fabbrica italiana automobili Torino
    F.I.A.T.

Le autorità politico-territoriali (ad esempio Stati, regioni, province, comuni) sono indicate con il nome del territorio al quale esse corrispondono.

Qualche esempio:   Italia 
    non Repubblica Italiana
    Stato Italiano
    Toscana
    non Regione Toscana

I nomi dei comuni sono indicati senza qualificazione, mentre quelli delle province sono completati da una qualificazione indicata tra parentesi tonde.

Ad esempio:   Torino
    non Comune di Torino
    Torino (Comune)
    Torino (Provincia)
    non Provincia di Torino

Gli enti/organi subordinati o gli organi di autorità politico-territoriali sono indicati subito dopo la denominazione dell’ente principale/autorità preceduti da un punto ed uno spazio.

Ad esempio:   Italia. Camera dei deputati
    Milano. Biblioteca (in tal caso si intende la biblioteca del comune di Milano)
    Unione italiana lotta alla distrofia muscolare. Direzione nazionale


I termini utilizzati nel campo “Soggetto” sono tratti dal Thesaurus regionale toscano (TRT) costruito in conformità allo standard ISO 2788. La sintassi è quella indicata dalla Guida GRIS (Gruppo di ricerca sull’indicizzazione per soggetto).

Forniamo di seguito qualche breve indicazione per facilitare la ricerca.

Sono normalmente indicati in forma plurale:

  • oggetti concreti (Sedie, Scarpe)
  • organismi viventi e persone (Cavoli, Api, Uomini, Impiegati)
  • enti e istituzioni (Partiti politici, Tribunali)
  • avvenimenti (Elezioni politiche, Guerre)

Sono normalmente indicati in forma singolare:

  • attività e processi (Artigianato, Distrofia muscolare)
  • discipline e sistemi ideologici (Storia, Socialismo)
  • materiali e sostanze (Ferro, Acqua)

La lingua e il Paese sono indicati facendo riferimento rispettivamente agli standards ISO 639-2 (per l’Italia: ITA) e ISO 3166-1 alpha-2 (per l’Italia: IT). Le date sono scritte nella forma indicata dallo standard ISO 8601, secondo questo schema: aaaa-mm-gg. Ad esempio: 2009-03-17 corrisponde al 17 marzo 2009.

Ultimo aggiornamento: 19.10.2009

Log In: